Maramureș

La Regione di Maramures si trova nel nord della Transilvania, al confine con l’Ucraina, ed è un’area molto montuosa, ricca di boschi e di valli. Visitare Maramures significa immergersi in un paesaggio mozzafiato, in un mondo di mitologico e nella tradizioni più antiche della Romania.

Nella Regione si trovano eccezionali artigiani del legno che hanno realizzato le famose chiese lignee di Baia Mare costruite senza uso di chiodi ma solamente ad incastro, con torri alte fino a 70 metri e tetti in scandole di legno. Sette di queste chiese – a Surdesti, Plopis, Rogoz, Ieud, Poeinile Izei, Barsana, Budesti e Desesti – sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Elaborate sculture lignee decorano anche le monumentali porte e le finestre delle abitazioni della Regione ma l’artigianato locale si distingue anche per i bei tappeti tessuti a mano e per i ricami che adornano gli abiti folkloristici.

Infine, il Maramures è un territorio ricco di oro, uranio e altri minerali.

Il Cimitero Allegro

Lapidi nel Cimitero Allegro di Sapanta

Vicino la città di Sighetu Marmatiei, nella Regione Maramures a soli 4 chilometri dal confine con I’Ucraina, si trovano Sapanta e il suo famoso cimitero, il Cimitirul Vesel, conosciuto con il nome di Cimitero Allegro. Più di 800 croci in legno di quercia dipinte con colori vivaci, in particolare il colore blu, e intagliate caratterizzano questo luogo di sepoltura, un vero e proprio museo a cielo aperto.

Questa tradizione, iniziata nella metà del 1930 per mano di Stan Ioan Pătraş, un artigiano del legno, è dovuta alla credenza degli abitanti della città che la morte sia un inizio e non una fine.

Ogni croce è diversa: le immagine intagliate catturano uno degli atteggiamenti caratteristici del defunto e le poesie ironiche e satiriche, scritte con un linguaggio arcaico tipico della tradizione orale, sono un messaggio al mondo vivente. Nella parte superiore di ogni croce si trova un bassorilievo con una scena che descrive la vita del defunto. Le scene sono semplici e ingenue nello stile, ma immortalano un aspetto rilevante, o una virtù o un difetto dei defunti. Ci sono donne che filano la lana, tessono i tappeti, cuociono il pane, e uomini che intagliano legno, arano la terra, pascolano le pecore, suonando i loro strumenti, macellano gli animali, e così via.

Nei pressi del cimitero, al Monastero Peri, si trova la torre di legno più alta in Europa.

Chiesa di Surdesti

Tra le 8 Chiese in legno di Maramures dai caratteristici tetti e dai campanili altissimi, dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, non perdete la Chiesa di Surdesti, a sud di Baia Mare, uno dei più alti edifici in rovere di tutto il mondo grazie ai 72 metri del campanile.

Costruita nel 1724 con travi di legno abilmente intrecciate e senza l’utilizzo di nessun metallo, la Chiesa greco cattolica di Surdesti domina il paesaggio. Il tetto istoriato e il portico, con due ordini di arcate sovrapposte lungo il lato occidentale, rendono il complesso di grande effetto. All’interno della chiesa si trovano delle scene dipinte del Vecchio e del Nuovo Testamento.

Non lontano si trova la Chiesa di Ieud, la più antica tra le chiese in legno della Regione, edificata nel 1364 in pino e abete.

Approfondimenti

Baia Mare
In evidenza

Baia Mare

Leggi tutto
Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 4.5 su 17 voti
Condividi